Storia incompiuta IV

Storia incompiuta IV

Torniamo a quel gioco a nascondino.

RAGIONE: “Finalmente ho trovato ORGOGLIO. Non è stato facile riconoscerlo per la sua apparenza trasparente.”

EMOZIONE: “Ma tutti lo vedono! È più alto della cima più alta. È lui a non vedere nessuno.”

RAGIONE: “Chi non vede nessuno? Lui è potente, essenziale come l’aria nell’atmosfera e perciò sa tutto. Il cieco è AMORE. Guarda che ha appena fatto l’amicizia con GELOSIA. Che copia leggendaria!”

EMOZIONE: “Basta giudicarli con la tua mente rigida. AMORE non è cieco, è stato ferito agli occhi ma solo poco dopo è guarito come il guerriero più coraggioso mentre GELOSIA è bella, graziosa come la riflessione delle guance di una fanciullina sul lago.”

RAGIONE: “Davvero? Ma continuerai a dirmi che lei è anche la radice dei temporali e delle eruzioni?”

EMOZIONE: “Assolutamente no! Lei è gentile come nuvole bianche nel cielo blu, non come quelle irritate che con tutti i tuoi sforzi puoi esagerare.”

RAGIONE: “Mi spiegheresti le conseguenze che ha combinato?”

EMOZIONE: “Quali conseguenze? Se ci sono dovrebbero essere la causa del tuo COMPORTAMENTO.”

RAGIONE: “Scusa, chi controlla COMPORTAMENTO, tu o io? Ma lascia perdere un po’, se PRIVATEZZA viene usata come scherzi o divertimenti per quegli strani cosa ne faresti? In ogni caso lei c’entra con RISERVATEZZA, non SEGRETO, semplicemente perché è un’entità consapevole della propria esistenza e della possibilità di essere vista da certi occhi e in realtà non ha niente da nascondere; cammina lievemente e silenziosamente ovunque vuole senza dovere portare abiti appariscenti. Ama la libertà di essere sé stessa, fuori dal chiasso della folla. Non uno scontroso ma una scelta: pochi ma significativi e qualificativi, non un’estranazione ma una dedicazione di più tempo per le prime cose nella lista di priorità perché la vita è breve.”

EMOZIONE: “Hai appena ammesso che controlli tu COMPORTAMENTO e l’impatto di DUBBIO su di te è forte!”

RAGIONE: “Che sbalordimento! Ho pensato che tu sia sempre spontanea e solo io in questa vita abbia ragione. Comunque quell’impressione è di INTUITO invece; COMPORTAMENTO non ha fatto niente di male. Ha solo cercato di proteggere PRIVATEZZA, di chiudere una delle porte principali.”

EMOZIONE: “Una cosa giusta, anche da parte mia, solo i miei amici potrebbero scherzare con me.”

RAGIONE: “Brava, stai dimostrando di capire la natura della questione. Eh… vedi che pian piano ci mettiamo d’accordo su tante cose…”

GELOSIA: “… ma chi se ne frega? Silenzio per cortesia. Sto dormendo perché mi piace dormire e non ho tempo da perdere per la volgarità che c’è dappertutto. Credete che è così facile attirare la mia attenzione, rendermi arrabbiare o farmi ballare? Sinceramente desidero ballare ma non ho mai avuto l’occasione di diventare pazzesca per poter girarmi come un tornado: immaginate che stupenda sarei io con quella danza! È ORGOGLIO a stare sempre svegliato. Scusate, ho ancora sonno, arrivederci (forse solo nei sogni; comunque speriamo che ci sarà qualcuno a svegliarmi)!”

RAGIONE: “Vedi EMOZIONE, la tua cara GELOSIA è ancora più orgogliosa di ORGOGLIO!”

AMORE: “Sono io ad avere bisogno di voi. Avete mai pensato a me o badate solo agli affari vostri? Litigate poi fate complimenti l’uno l’altro e lodate i vostri valori. Godete della vostra libertà ma sapete che mi state custodendo? Non avete chiuso solo una porta ma tante altre mentre ho sempre più sete di ISPIRAZIONE. Volevo scappare da tutti i valori e barriere che mi avete confinato senza dover seguire nessuna regola. Volevo volare!”

RAGIONE e EMOZIONE si guardarono negli occhi confusi.

Quella confusione si allungò così tanto che gli altri caratteri dovettero aspettare il loro turno nella quinta parte.